Slide-Entroterra-2 Slide-Entroterra-3

Tutto ciò che offre Cattolica

Conosciuta dai più come la Regina dell’Adriatico, Cattolica è una fascia di sabbia finissima lunga 2 km. Il mare di Cattolica risplende di un azzurro intenso e le sue acque sono limpide e pulite. L’aria che si respira lungo le spiagge è ricchissima di iodio. La spiaggia di Cattolica è protetta da una barriera frangiflutti che ripara dalle onde e il fondale del mare è basso, caratteristiche ideali per il bagno dei vostri piccini. Le spiagge sono tutte perfettamente organizzate: campi di beach volley e beach soccer, palestre, bocce e tanti divertimenti anche per i più piccoli.

Lo scenario in cui è immersa Cattolica è probabilmente il più suggestivo di tutta la Riviera Romagnola con il Monte Gabicce e le colline che sembrano stringerla in un dolce abbraccio. Cattolica ha tre volti: il porto, il centro storico e la zona turistica, fatti su misura dei turisti. Chi visita Cattolica rimane indubbiamente colpito dall’accoglienza e dalla gentilezza che contraddistingue i suoi abitanti. Potrete assaporare in qualunque posto, dai bar agli alberghi, le specialità culinarie della cucina romagnola. Le piazze della città nel corso della serata traboccheranno di luci splendenti e di allegria e potrete godere di questo splendido clima di festa per trascorrere momenti indimenticabili. L’Acquario di Cattolica è una valida alternativa per osservare i pesci da molto vicino piuttosto che pescarli.

Entroterra Romagnolo

San Marino

san_marino Il suo borgo resta arroccato in cima al Monte Titano e supera tutti gli altri in altezza sulla superficie del mare (più di 700 metri). E’ il nucleo residenziale più antico, non a caso raccoglie le sedi istituzionali del Consiglio Grande e Generale e del Governo (Palazzo Pubblico), e delle segreterie di Stato. Non solo, il suo borgo, accessibile da quattro “porte”, racchiude i monumenti e i luoghi di interesse più importanti del Titano: le tre “penne”, ovvero le torri medievali, simbolo di San Marino, la Basilica del Santo che conserva le reliquie di colui che ha fondato il Paese, il Monastero di Santa Chiara, la Porta e la Chiesa di San Francesco, la contrada Ombrelli e la piazzetta del Titano. Infine spicca Piazza della Libertà, dove si trova Palazzo Pubblico e una terrazza panoramica d’eccezione.

Gradara

gradara La roccaforte di Gradara si erge su un colle (142 m sul livello del mare) al confine tra Marche e Romagna in posizione strategica e dominante. Dista 25 Km da Rimini, 13 da Pesaro, 3 dalla strada Adriatica. A tutti quelli che la raggiungono piace rievocare il tempo antico mentre si compie il giro sulle merlate mura e si supera il ponte levatoio e si incontra l’elegante cortile. Le sale interne ricordano gli splendori delle potenti famiglie che qui hanno governato: Malatesta, Sforza e Della Rovere. Ricordiamo inoltre la doppia cinta muraria ed i tre ponti levatoi che resero pressoché inespugnabile la possente Rocca malatestiana. Il piccolo paese di Gradara è raccolto fra prima e la seconda cinta di mura.

Mondaino

mondaino “Mondaino, 420 metri d’altitudine, manca una spanna per essere montagna tra le colline al confine di Romagna e Marche, lembo meridionale della provincia di Rimini. Una manciata di chilometri da Urbino. Dal paese si vedono il mare Adriatico da un lato e il Montefeltro dall’altro.  Mondaino è monte del daino e anche monte di Diana, la dea della caccia. Quando si parla della storia di Mondaino viene subito alla mente il Medioevo, per la forte rocca che sovrasta il paese e le sue mura castellane. Ma la storia di questo borgo non è solo quella medievale e le sue origini vanno molto più indietro nel tempo, intrecciandosi con il mito e la leggenda.

San Leo

san-leo Nella media Valle del Marecchia, al centro della Regione storica del Montefeltro, su un masso imponente di forma romboidale con pareti strapiombanti al suolo, sorge San Leo. La placca rocciosa, di formazione calcareo-arenacea, è il risultato della tormentata genesi che ha portato alla formazione del paesaggio della Val Marecchia, nota ai geologi come Coltre o Colata della Val Marecchia. I limiti della placca, nel caso di San Leo, sono interamente identificabili e coincidenti con i dirupi e gli strapiombi.  Pur non essendo in possesso di fonti in grado di attestare l’anno in cui i romani giunsero in questo luogo, possiamo affermare che, fin dal III secolo, essi costruirono una fortificazione sul punto più elevato del monte, ma non monirono l’abitato di cinta murarie poiché la rupe è di per sé inaccessibile da qualunque lato. Sul finire del III secolo, sull’originario sacrario,  sorse la Pieve, L’edificio, costruito in epoca carolingia e rimodernato in età romanica,raccoglie intorno a sé il nucleo della città medievale. Dopo il VII secolo, accanto alla Pieve, fu innalzata la Cattedrale. Nel 1173 essa venne completamente rinnovata, nelle forme romanico-lombarde, e unita alla possente torre campanaria di probabile origine bizantina. Il nucleo della città sacra, composto dal Palazzo Vescovile e dalla residenza dei Canonici, veniva così a costituire un vero e proprio agglomerato urbano. Il centro medievale conserva gli edifici romanici, Pieve, Cattedrale e Torre Campanaria, mentre i palazzi residenziali hanno subito numerose trasformazioni principalmente durante il periodo rinascimentale. L’abitato storico si estende intorno alle chiese che affacciano sulla piazza centrale, intitolata a Dante Alighieri, ed è composto da numerosi edifici: il Palazzo Mediceo (1517-23), la residenza dei Conti Severini-Nardini (XIII-XVI sec.), il Palazzo Della Rovere (XVI-XVII sec.), la Chiesa della Madonna di Loreto e abitazioni costruite fra il XIV e il XIX secolo.

Pennabilli

pennabilli Edificata sulle emergenze rocciose della Rupe e del Roccione, Pennabilli è una caratteristica cittadina dall’impianto medioevale. Deve il suo assetto urbano all’unione di due antichi castelli, quello dei Billi sopra la Rupe e quello di Penna sopra il Roccione. Il territorio circonvicino è stato abitato sin dall’antichità, vedendo succedersi gli umbri, gli etruschi e i romani. Ma è con  il fenomeno dell’incastellamento, intorno al Mille, che l’abitato si sviluppa. Prima diviene feudo dei Carpegna, poi dei Malatesta dei quali è probabilmente la “culla”, prima che questa famiglia scendesse a Verucchio e Rimini.

Attività e Sport

Nordic walking

nordic-walking “Nordic Walking” sbarca a Cattolica. Perchè anche in Riviera di Rimini il “Nordic Walking” sta diventando sempre più popolare tra gli sportivi e gli amanti della vita all’aperto. Anche se in origine questa attività sportiva veniva praticata esclusivamente nei paesi nordici, ora si trova benissimo anche alle nostre latitudini, favorisce salute e resistenza, e vanta un consumo energetico fino al 46% superiore rispetto ad una camminata normale.
Siccome il Nordic Walking risulta meno impegnativo e sollecitante della corsa, ma  nettamente più efficace della semplice camminata che agisce positivamente sul sistema cardiocircolatorio, con una conseguente efficacia nell’allenamento, è uno sport che può essere praticato da persone di tutte le fasce d’età anche senza particolari allenamenti.
Un altro fattore benefico del Nordic Walking è lo sviluppo della coordinazione motoria, infatti il normale avanzamento di gamba e braccio opposti “accusa” la presenza dei bastoncini e richiede sicuramente un maggior impegno da parte del praticante.  Teatro delle escursioni sono le bellezze naturalistiche e paesaggistiche del parco del Conca e della costa.

Riviera Horses

Horses Riviera Resort si sviluppa su una superficie di circa centoventimilametri quadrati, su un`area rurale della Valconca. Di nuovissima concezione, il centro ippico di San Giovanni in Marignano (RN) è stato progettato su misura per cavalli e cavalieri e ogni dettaglio è stato studiato e messo a punto partendo da questa filosofia.  Horses riviera Resort ospita concorsi nazionali ed internazionali di salto ostacoli riservati ad atleti di tutte le categorie.  Sei sono i campi a disposizione dei cavalieri: tre da gara, due di prova e uno da lavoro.  Facile da raggiungere, a soli 2700 metri dall`uscita di Cattolica della A14, Horses Riviera Resort si completa con un`offerta di servizi esclusivi per l`ospitalità e si propone come luogo da vivere in tutto il suo fascino in un`atmosfera rilassante e piacevole.

Photo by Max Ryazanov

Via Dante 149
47841, Cattolica (RN)

Numero di telefono e FAX

E-mail

P. IVA 00781320403

Cookie Policy - Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter

(?)